Bizando lancia Effezed

11041759_1418807495090779_6589717433479142159_n

Effezed è la divisione di Bizando che si occupa delle attività di ricerca, sviluppo e distribuzione di prodotti e soluzioni ad alta tecnologia, con focus principale sulle applicazioni della nanotecnologia.

La nostra mission è reperire sul mercato globale prodotti distintivi e di alta tecnologia per poi distribuirli sul mercato italiano, sia per il pubblico retail che per il mercato B2B.

Il nostro portafoglio è costituito da prodotti tecnologici innovativi, ecosostenibili e con grande attenzione al risparmio energetico.

www.effezed.com

La nanotecnologia

La nanotecnologia è un campo relativamente nuovo della scienza, dell’ingegneria e della tecnologia in generale che si riferisce a tutto ciò che ha scala nanometrica. In altre parole, è la scienza delle cose “molto piccole”.

Ma quanto piccolo è “piccolo” e cosa significa “nano”?

Un nanometro è un miliardesimo (o 10-9) di un metro. Si tratta di una scala molto più piccolo di quella a cui gli scienziati si stavano dedicando fino a poco tempo fa. È piuttosto difficile immaginare quanto sia “piccolo” questa scala. Giusto per averne un’idea, ci sono 10.000.000 di nanometri in un solo centimetro. La maggior parte delle cellule del corpo umano hanno dimensioni dell’ordine delle centinaia di nanometri.

La nanotecnologia è una scienza che trova applicazione in maniera trasversale in tutti gli altri settori scientifici, quali la chimica, la medicina, l’ingegneria, la biologia, la scienza dei materiali.

Ma cosa fa in sintesi la nanotecnologia? Controlla e indirizza le singole particelle – atomi e molecole – invece di controllare il materiale stesso. A questa scala, le cose che pensiamo di conoscere e che diamo normalmente per scontate agiscono in un modo completamente diverso. Anche le particelle microscopiche sembrano enormi, così come le sostanze a noi ben note assumano proprietà diverse, come ad esempio maggiore resistenza, maggiore durata, minor peso e maggiore flessibilità.

Tuttavia, una particella con la dimensione di un atomo è impossibile da vedere ad occhio nudo. Per di più, è difficile da rilevare anche con un normale microscopio ottico. Il microscopio che è in grado di osservare le particelle a questa scala è stato inventato circa 30 anni fa ed ha segnato la nascita della nanotecnologia come scienza distinta.

Quando è nata la nanotecnologia? Anche se è una scoperta relativamente giovane, la nanoscienza può essere considerata una “scienza” più antica di quanto siamo abituati a credere. La gente ha iniziato ad utilizzare materiali su scala nanometrica senza rendersene conto già secoli fa, creando opere d’arte, armi e vetro dipinto in epoca medievale.

Al giorno d’oggi, la nanotecnologia e la nanoscienza hanno il potenziale per influenzare e cambiare in modo positivo ogni ambito della nostra vita, dalla medicina all’automotive, dai computer all’industria della moda. Si può affermare senza alcun dubbio, che avranno un ruolo chiave nell’evoluzione tecnologica del ventunesimo secolo.